Il parto: la versione di Picinin

La nascita del fratellino

Non dico che si stesse male nel pancione. La sistemazione avrebbe potuto essere più spaziosa, ma vitto e alloggio nell’insieme erano di soddisfazione. Se poi volevo la torta ricotta e visciole,  bastava far partire qualche contrazione un po’ ritmata ed ecco che mi portavano all’ospedale per un monitoraggio. E all’uscita… dritti al forno del ghetto per una bella fetta. Avevo capito come funzionava e a volte me ne approfittavo. Per quella torta lì, ne valeva la pena.

Leggi tutto

Vi presento il Picinin: quando nasce un fratellino

quando nasce un fratellino: il ritorno casa

“Qui devo fare tutto io. Finalmente è nato il fratellino e sono diventata una sorella grande. Il Picinin è tutto tondo, ha gli occhi blu e una fame insaziabile: vorrebbe ciucciare tutto il giorno e tutta la notte. Forse ci sforma un po’ perché alla nascita pesava meno di 4 chili, anche se di poco, e vuole conquistare la stessa fama di orco di papà. Così non vede l’ora di diventare grande, molto grande.

Leggi tutto

Sesso in gravidanza: la maniaca dell’ambulatorio di ostetricia

Benefici del sesso in gravidanza per indurre parto

 

Alla fine della gravidanza si fanno i monitoraggi per vedere se il bambino dà segni di sofferenza e se sono già iniziate le contrazioni. Tutta una serie di pancione sono stipate in uno stanzino con le magliette sollevate e dei sensori sopra e sotto l’ombelico per misurare il battito cardiaco dei nascituri. Spesso si inizia a chiacchierare e come indurre il parto è l’argomento clou, negli ultimi interminabili giorni di attesa. È qui che entra in gioco la maniaca dell’ambulatorio di ostetricia, pronta a decantare i benefici del sesso in gravidanza per far partire le contrazioni.

Leggi tutto

Nono mese di gravidanza: cose da fare prima dell’Apocalisse

Ultimi giorni della gravidanza in attesa del fratellino

Niente sarà più come prima. Man mano che si avvicina la fine della gravidanza, il parto mi sembra sempre più un punto di non ritorno, una specie di Apocalisse. Trovo impossibile immaginare una vita “dopo“ la nascita del Picinin, soprattutto una vita “normale” come quella che, in qualche modo, avevamo riconquistato ora che, con una bimba di 3 anni, la notte – di norma – dormiamo, possiamo anche uscire ogni tanto e fare una gita senza un’organizzazione degna di una missione della Nasa.

Leggi tutto

Nono mese tra istinto del nido e letargo

Istinto del nido in gravidanza
Illustrazione da Cenerentola di Le fiabe sonore-Fabbri editore realizzata da Michele

 

Ieri Piccolè si è svegliata alle cinque e mezza ed è iniziata la mia prima giornata in balia dell'”istinto del nido” fino in fondo, ora che sono in maternità e priva dei freni del lavoro.È andata proprio come temevo. Il “nesting” o sindrome del nido è il bisogno travolgente di molte donne in gravidanza di preparare la casa per l’arrivo del bambino. E travolgente è dire poco: all’improvviso la tua vita sembra un fallimento perché ancora non hai trovato la vaschetta per il bagno del piccolo. Saresti pronta ad arrivare in cima all’Himalaya per ottenere il modello a soffietto di cui ti ha parlato la tua amica.

È un impulso violento. Ho assistito a due mamme con il pancione strattonarsi e prendersi a spintoni per conquistare l’ultimo seggiolino per auto in offerta da Prenatal: avevano negli occhi uno sguardo assassino. L’ormone dell’istinto del nido le aveva evidentemente possedute.

Leggi tutto