Perugia con i bambini. Dove volano i grifoni

Perugia con bambini

Noi non dovevamo visitare Perugia, dovevamo comprare un’auto usata.

Ma due giorni dopo sarebbe stato il nostro anniversario di nozze e l’offerta di questo concessionario era così interessante… Coì. abbiamo deciso di una fuga in Umbria a -2 giorni dal ritorno a scuola.

Io ero già stata a Perugia e la ricordavo molto bella, ma stavolta l’ho trovata davvero magica, piena di creature incantate. È la città dei grifoni, gli animali leggendari con testa e ali da aquila e corpo di leone. Il grifo è il simbolo di Perugia fin dal medioevo (leggi in questo articolo che ha compiuto 800 anni!) ed è dappertutto.

Non solo sui monumenti più famosi come il Palazzo dei Priori, ma anche sulle porte e sulle insegne dei negozi. Simbolo di indipendenza dal potere del Papa, indica custodia e vigilanza, ricchezza e poterne. 

La nostra visita-lampo a Perugia, è diventata una caccia al grifone, con il naso all’insù a cercare le sue ali tra palazzi e stendardi. E abbiamo scoperto così anche altri simboli misteriosi (cercarli è stata una scusa per far camminare i bambini); chiavi incrociate, soli e il mio preferito: un elefante con una torre sulla schiena. Chi lo trova?

Itinerario minimo per una gita a Perugia con i bimbi

Siamo partiti dal parcheggio gratuito di via Tancredi Ripa di Meana e siamo risaliti verso la chiesa di San Domenico (da subito sono cominciati i simboli misteriosi, con stendardi che raffiguravano due chiavi dorate incrociate appesi su diversi palazzi). Ho scoperto dopo che sono i simboli del rione.

I primi grifoni li abbiamo incontrati subito, tra le insegne dei locali, nel Borgo Bello, decorazione dei portoni e negozi di souvenir. Ma il trionfo di questi animali volanti è nelle piazze principali. A piazza Matteotti, con le decorazione del palazzo del Capitano del Popolo e dell’Università vecchia.

E ancora di più alla stupenda piazza IV novembre con il Palazzo dei Priori. Questa è la casa del grifone più famoso della città, realizzato da Arnolfo Da Cambio nel Duecento, che si può ammirare insieme al leone (altro simbolo di Perugia ) all’ingresso della Galleria nazionale dell’Umbria.

Grifoni di ogni tipo, di legno, di metallo e al neon hanno accompagnato tutta la nostra giornata, dai negozi di Corso Vannucci fino ai localini del Borgo Bello. Purtroppo non siamo riusciti a vedere, come avremmo voluto, l’acquedotto medioevale, dove l’acqua scorreva in salita senza pompe, e tante altre cose.

Un’ultima nota un po’ magica. Nella Cattedrale di San Lorenzo ci aspettava un altro simbolo antichissimo, questa volta religioso. Siamo capitati infatti a Perugia in occasione della “calata del sant’anello”, in cui viene mostrata una reliquia venerata come la fede nuziale della Madonna.

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.