Nel letto di Piccolé. Dormire insieme tra fratelli

Piccolé (5 anni) e il Picinin (2 anni) dormono nella stessa cameretta da sempre.

Da qualche giorno, però, appena la bambina si addormenta, il fratellino si infila nel suo letto. Spesso continuano a dormire insieme, abbracciati, ma a volte la sorella si è svegliata urlando.

“Mi sembra uno scarafaggio luminoso!”, ha detto Piccolè, spaventata dal ciuccio fosforescente del Picinin e dalle manine che si aggrappavano a lei, nella notte, per salire sul suo letto. Poi, però, quando mentre dormivano abbiamo preso il fratellino e lo abbiamo portato al suo posto, lei ha protestato. “Doveva restare vicino a me”.

Così, oltre a provare a convincere il Picinin a restarsene nel suo letto, non sappiamo bene come fare. Lui è irremovibile: “no al lettino, vojo stare con Piccolè”. Ascolta la storia della buonanotte, bravo bravo nel suo lettino, ma aspetta solo che la sorellina dorma, per andare da lei.

Co-sleeping tra fratelli

Un po’ mi fa sorridere questo cosleeping fai-da-te tra fratelli (con Piccolè un po’ riluttante, ma che alla fine si è fatta convincere). Tutti e due non hanno mai dormito nel lettone, e mi sembra che si sono organizzati da soli. Anche dei loro amichetti dormono insieme, tra fratelli, ogni tanto, e non ci vedo niente di male.

Forse, però, se rischia di diventare un’abitudine è meglio accelerare il nostro piano di fargli una cameretta condivisa da “bambini grandi”, con un letto a castello. O forse così ci ritroveremo il Picinin che si arrampica nella notte tipo sulla torre di Rapunzel?

Una cosa è certa, passano gli anni, ma le nostri notti sono sempre un delirio. #doveabbiamosbagliato

Sulle nostre notti da incubo puoi leggere anche

Certe notti, l’inno delle mamme in crisi di sonno.

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.