Il primo amico di Picinin (e un dubbio mistico)

Il primo amico di un bambino

All’improvviso il Picinin (2 anni) ha scoperto l’amicizia.

Il suo primo amico si chiama Giosuè e io, fino a qualche giorno fa, non sapevo nemmeno che esistesse.

Io lo lancio al nido, di corsa, al mattino, sulla strada per andare al lavoro, e non lo vado mai a prendere il pomeriggio. Così a mala pena mi ricordo i nomi dei bambini iscritti nella sua classe dal primo anno, almeno ci sono state un paio di festicciole e qualche riunione. Quelli che sono arrivati dopo sono avvolti nel mistero.

Comunque, il Picinin ha iniziato all’improvviso a chiedere dov’è Giosuè. Mamma, che fa Giosuè? Chiami Giosuè così facciamo un bel gioco? A complicare la situazione, è intervenuta la nonna. Da sempre preoccupata per l’educazione religiosa dei nipotini – che non abbiamo battezzato – ha iniziato a dire che il bambino parlava di Gesù.

Era bastato portarlo a messa una volta, alla commemorazione per una mia cara amica, per farlo entrare in una sorta di crisi mistica, secondo la nonna. Tipo Marcellino Pane e Vino.

Io non sapevo che pensare finché una volta, arrivando a scuola un po’ in anticipo, abbiamo incrociato un bambinetto in cortile. “Giosuè!” ha urlato il Picinin andandogli incontro. Così ho scoperto che c’è davvero un suo compagno del nido che si chiama Giosuè e che sono amici. Sua mamma ha detto che anche Giosuè parla sempre del Picinin, ma non so se sarà così contenta di questa amicizia da quando le ho raccontato tutta la storia del fraintendimento. Avrà pensato che siamo matti (anche perché ha detto di conoscere bene la nonna di Picinin).

A mia discolpa posso dire che Piccolè ci ha abituato ad avere come amico immaginario un cavallo arancione che si chiama Zietto, quindi siamo pronti un po’ a tutto.

*Nella foto il Picinin non è con il mitico Giosuè ma con il cuginetto gemello, nato giusto due mesi prima di lui e da sempre compagno di monellerie. Dell’esistenza di Giosuè al momento non abbiamo prove fotografiche.

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.