Due terribili anni di un super Picinin

Terribili due anni

“Se puoi aspettare un attimo, la maestra del Picinin ti vuole parlare”. Eccolallà!

Mi sono detta, il bambino ha due anni appena compiuti e già vengono convocata a “scuola”, che avrà combinato il teppista?

Il pupo alla fine era innocente, questa volta, la maestra voleva parlarmi di questioni dell’asilo nido, ma per un momento ho creduto davvero che ne avesse combinata una delle sue. Come lanciare oggetti per stizza, buttarsi per terra o urlare “E NO! E NO! E NO!” con tutta la forza che ha. Un solo “no” non gli basta più per mostrare tutta la sua indignazione.

Un manuale vivente di perché gli inglesi chiamino i due anni “terribili” tra voglia di autonomia e capricci. Oggi per la prima volta gli ho sentito dire “uffa!”. Deve averci preso gusto: lo ha detto 3.246 volte nella strada tra l’asilo nido e casa.

La sua passione, poi, è sgridare la sorella grande. “Ho detto basta!”, le dice. “Smettila subito!”. Mi sa che si sta vendicando di tutte le angherie che ha subito quando era troppo piccolo per rispondere e reagire.

Non so come mai mi stupisco, i segnali della metamorfosi del mio dolce bebè in un vulcano esplosivo c’erano da tempo. Con Piccolé, un libro ci aveva aiutato a gestire terribili due anni, devo ritrovarlo. Lo raccontavo in Un timer ci ha salvato la vita. Ora qualcosa mi dice che non basterà.

Leggi anche I due anni iniziano a 18 mesi.

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.