La via Francigena con i bambini. Viterbo e non solo

Via Francigena con bambini

La via Francigena era, per me, un posto segreto.

Nel mezzo della campagna del Lazio, da bambina, mi trovavo all’improvviso sull’antico selciato della Cassia. Qui e là si vedevano ancora i segni dei carri, i “grandi” dicevano che da questa strada passavano i viandanti che, da Canterbury, arrivano a Roma in pellegrinaggio, o addirittura a Gerusalemme, imbarcandosi in Puglia. Nella foto io nel 1993 nel nostro tratto preferito (dietro le chiome, ormai un po’ sbiadito, si vede Montefiascone, in cima alla collina).

La via Francigena era un posto nostro, una storia familiare, come il fosso del Bau, un mostro che abitava lì vicino, o le vasche termali libere del Bagnaccio, all’aria aperta, poco lontane da dove passavamo (e passiamo) le vacanze. Al massimo, sotto il Giubileo, qualche pellegrino si era affacciato al giardino di mia zia in cerca di un po’ d’acqua (e ci aveva rimediato anche una fetta di torta).

È stato solo molti anni dopo, quando ho saputo che degli amici di Milano ci erano venuti in bici, apposta dalla Lombardia, che ho scoperto che la bellezza della via Francigena nel Lazio non era il segreto che pensavo. Oggi poi ci sono gruppi di appassionati e associazioni che organizzano passeggiate e gite adatte anche ai bambini, un sito pieno di informazioni sulle tappe, con anche un’app per organizzare il proprio itinerario senza perdersi (cosa che a noi succedeva molto spesso). Viva la navigazione Gps.

La via Francigena con i bambini dal lago di Bolsena a Viterbo

Famiglia sulla via francigena, vicino viterbo

Bolsena

Il tratto della via Francigena che amo è quello tra il lago di Bolsena, Montefiascone e Viterbo. Il percorso completo fatta dai pellegrini è intenso (sono 36 chilometri), ma diverse tratti, nei boschi e sull’antica Cassia, sono adatti anche ai più piccoli. Si parte dal bel centro storico di Bolsena, e dal lago con le due isole Martana e Bisentina, che è una destinazione perfetta per le famiglie. Nelle giornate più calde ci si può anche rinfrescare con un bagno al lago. Da lì la passeggiata comincia tra uliveti e boschi di querce.

Montefiascone

Poi la strade sale verso Montefiascone, la città del vino Est Est Est. La vista stupenda che si gode dalla torre del Pellegrini ripaga della sfacchinata, e merita una visita anche per chi raggiunge la cittadina in auto.

Ai bambini diverte sempre la storia del vescovo beone, che diretto a Roma nell’anno 1111, mandava in avanscoperta il suo servo, Martino, ad assaggiare il vino e indicare con la scritta Est (“C’è” in latino), le locande dove si beveva bene. Arrivato a Montefiascone, Martino era rimasto così entusiasta del vino – bianco, secco e profumato – che nel suo messaggio si leggeva “Est! Est!! Est!!!”.

Anche il vescovo si innamorò del vino locale: rimase in paese fino alla fine dei suoi giorni e ancora oggi è sepolto nella chiesa di San Flaviano. Lo ricorda la lapide “Est Est Est Propter Nimivum…” (per il troppo Est est est qui giace morto il mio signore Johannes Defuk).

Da Montefiascone si raggiunge facilmente – anche in auto – l’antico tratto di strada romana in mezzo alla campagna. Un posto davvero magico.

Viterbo

La meta di questo tratto della via Francigena, è Viterbo. I pellegrini arrivavano a Porta Fiorentina e restavano a bocca aperta davanti alla bellezza del centro storico e del palazzo dei Papi, che si sono trasferiti qui tra il 1257 e al 1281, in fuga dai pericoli e dalle sommosse di Roma. Ancora si respira un’aria di antica grandezza tra le vie del centro storico e del quartiere medioevale di San Pellegrino.

Le terme gratis di Viterbo con i bambini lungo la via Francigena

Le terme libere del Bagnaccio e del Bulicame

Questo tratto della via francigena è tra i più apprezzati anche per le terme libere, all’aria aperta, a volte gratis, che si incontrano nella campagna. Proprio lungo il percorso, tra Montefiascone e Viterbo, si trovano le vasche del Bagnaccio (sulla Strada Castiglione, per l’ingresso è richiesta un’offerta a partire da 5 euro). E non mancano lì vicino anche terme gratuite come il Bulicame o le Piscine Carletti (oltre ai grandi centri termali a pagamento come le terme dei Papi).


Summary
La via Francigena con i bambini. Gita da Viterbo al lago
Article Name
La via Francigena con i bambini. Gita da Viterbo al lago
Description
Tutto il fascino della via Francigena tra il Lago di Bolsena e Viterbo. Una gita nel Lazio lungo l'antica Cassia tra terme gratuite, leggende e buon vino.
Author
Publisher Name
ComeCalamity.it
Publisher Logo

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.