Favole al telefono ai tempi di WhatsApp

Piccolé compie oggi una settimana e fervono i festeggiamenti Dangefò. Intanto su WhatsApp…

Gruppo LeZiette
P – E’ troppo troppo troppo bella!
C – Le ho appena letto la sua prima storia. L’acciarino di Andersen, un po’ splatter ma con il lieto fine.
P – L’acciarino di Andersen!?!?!? Oh santo cielo! Urge fornitura di rivisitazioni della Disney!
C – Altro che Disney, l’edizione integrale illustrata delle favole di Andersen. Tutta vita!
P – E’ come per i Grimm, mica puoi dirle che la sirenetta diventa schiuma di mare. I piccoli hanno bisogno di sogni.
C –  Sono storie bellissime e, se proprio le cose si mettono male, cambio il finale.
P –  Puoi dirle che la sirenetta ha lasciato quel gran palle del principe ed e’ diventata un avvocato con fatture a tre zeri! 😉
P – Oppure che e’ diventata un super avvocato e… Ha sposato George Clooney!
I – Oppure che se la so’ magnata all’acquapazza!

ps Stiamo bene, ancora piuttosto fusi dal parto e da tutte le novità, ma innamoratissimi della pupa che sta dando il meglio di sé: mangia, dorme, ride (anche se non dovrebbe esserne ancora capace) e si fa adorare da tutti.

* Disegno di Fabian Negrin per L’acciarino da H. C. Andersen, Fiabe e storie, Donzelli.

Ti potrebbe interessare anche

2 commenti

  1. Mamma mia! Sono monomaniacali queste maestre… Mi piace tantissimo leggerle queste storie, e alcune fanno spisciare dal ridere (non me ne ero mai accorta) oggi per esempio è toccato alla principessa sul pisello. Prima che mi regalassero questo libro le leggevo un po' di tutto dai bugiardini delle medicine ai giornali, ma poi mi incavolavo per quello che leggevo e avevo paura di spaventarla. Meglio mille volte gli orchi e le streghe di certi personaggi di oggi!

  2. Per adesso le favole servono più a te che a lei. Le potresti benissimo leggere la lista della spesa con la tua voce ad un volume più basso e con piccole pause e avrebbe su di lei lo stesso risultato 😉

    A sei mesi, quando avrà cominciato e distinguere meglio le sensazioni ed a capire un pò di parole, allora, potrai iniziare a raccontarle per davvero e ti assicuro che prima dei 3 anni, è decisamente meglio cambiare la fine a tutte le fiabe se non la vuoi trovare a piangere impaurita in giro per casa di notte. PER MOLTE NOTTI! ;(

    ps. Ti metto seriamente in guardia sugli effetti di Andersen! 😉

    Te lo dice una stupida che ha permesso alla figlia di mettere in scena la piccola fiammiferaia a scuola ben 2 volte in 2 scuole diverse (sig).

    Le maestre amano sta fiammiferaia!!! E ci son voluti mesi per togliere dalla piccola il magone e la paura che la fiaba le ha messo nel cervello! ;(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.