La maledizione del figlio unico

Papà figlio unico

La mamma ha dato i suoi giochi a dei bambini e loro li hanno rotti. Lui è ancora indignato di come sua madre abbia potuto prendere la sua collezione di puffi e darla ad altri senza neanche chiederglielo. Avrebbe detto di no, certo, del resto si è visto come è finita: quelli hanno spezzato la canna da pesca di puffo pescatore, proprio uno dei suoi preferiti. E poco importa se “lui” ha 42 anni e gli “altri” siano i suoi stessi figli. A. è un figlio unico e lo sarà per sempre, la condivisione non è il suo forte.

Il figlio unico nel suo regno

Nella cantina della casa dei suoi genitori ci sono ancora, perfettamente conservati, tutti i giochi di A. e anche le scarpe da ginnastica preferite da quelle numero 32 a quelle 47, oltre a tutti i suoi fumetti, per non parlare delle musicassette, custodite religiosamente anche se non c’è più modo di ascoltarle. Ogni tentativo di prestare ad amici o cuginetti il minimo giocattolo è stato respinto, negli anni, fino al caso dei puffi, passati di mano ai piccoli distruttori senza neanche chiederlo.

Pensare a quel santuario della propria infanzia, custodita sotto chiave nella casa dove è cresciuto, deve essere di consolazione per A. nel marasma della nostra casa di Roma, dove ogni cosa viene smanazzata, spostata, impiastricciata e la proprietà privata sembra non esistere. Il Picinin osa toccare – di soppiatto – persino i vinili, per i quali la sorellina aveva un timoroso rispetto. E Piccolè si avventura a prendere del cibo dal piatto del papà, unico essere sulla terra che può farlo e sopravvivere.

La dura vita del figlio unico

A. stoicamente resiste, spostando sempre più in alto i suoi tesori, che formano pile di libri, aggeggi elettronici e quaderni arroccati sempre più su, fino ad arrivare in cima alle librerie, sopra l’ultimo scaffale. Io lo guardo soffrire in silenzio e penso che avere fratelli e sorelle può essere molto faticoso, ma mai quanto essere un figlio unico catapultato all’improvviso in mezzo ai bambini, e nulla cambia il fatto che siano i suoi stessi figli.

P.s. Leggendo questo post, il figlio unico ha commentato: “hanno pure storto la mazza da hockey di puffo hockeista. Scrivi quello che vuoi, ma tanto i miei lego non li avranno mai. Lo so che poi me li smontano”. E alla mia protesta “ma li devono smontare per giocarci!”, ha risposto: “e così io non ho più la mia astronave spaziale”.

Papà figlio unico
Summary
La maledizione del figlio unico
Article Name
La maledizione del figlio unico
Description
Avere fratelli e sorelle può essere difficile, ma mai quanto essere figlio unico e ritrovarsi in una casa con dei bambini (poco importa se sei il loro papà)
Author
Publisher Name
ComeCalamity.it
Publisher Logo

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.