Segreti e bugie (a 4 anni)

Bugie dei bambini di 4 anni

“Piccolè, che ci fanno tre carote ammuffite nel cassetto della cancelleria? Ce le hai messe tu?”.

“No, mammina” (e quando dice “mammina”, c’è da preoccuparsi). 

“Ma hai mangiato tutte le caramelle del pacchetto?”

“No, è stato Picinin” (11 mesi, che non sa nemmeno come sono fatte).

“Il cuginetto si è fatto male mentre giocava con te?”.

“Non era con me. È piccolo e non sa saltare dal nascondiglio. Poi, si è girato a guardarmi al momento sbagliato”.

“A guardarti? Allora eri lì con lui”.

“A guardarmi… da lontano. Ero molto lontana”.

“Pupi, ma mamma vuole credere a quello che dici. È importante dire la verità perché se racconti bugie poi nessuno si fida di te, che è una cosa bruttissima”.

“Ma mamma, la verità non esiste”.

E qui mi lascia senza parole, la piccola filosofa.

 

Bugie dei bambini di 4 anni (e mamme credulone)

Il fatto è che Piccolè dice bugie, come tutti i bimbi di quattro anni (credo), ma io voglio fidarmi di lei.  Così ci siamo un po’ incartate. Lei racconta storie in continuazione, a volte semplicemente fantasiose, spesso molto utilitaristiche. Io tendo a non mettere in discussione la sua versione dei fatti, che sia quella di aver imparato a volare, o essersi già lavata le mani prima di cena.

Al massimo dico, ok, ma era un sogno, forse? Oppure, vogliamo rilavare le mani insieme, così viene meglio? O qualcosa del genere. Non aiuta il fatto che io sono la più credulona delle mamme. E controllare la bambina, marcarla stretta, non è proprio nella mia natura. A volte, però, temo proprio che sia necessario. 

L’altro giorno, per esempio, Piccolè doveva prendere una medicina e la nonna nordica l’ha scoperta che aveva nascosto la pillola in un fazzoletto. Io ci sono rimasta malissimo. E pensare che la bambina per prima, che non è abituata a sentirsi raccontare bugie, si imbufalisce quando pensa che qualcuno non le stia dicendo la verità.

 

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.