Ferragosto con bambini di 2 anni: la rappresaglia

Bimbo di due anni gioca a ferragosto

Buon Ferragosto! Per noi le vacanze iniziano adesso, tra poco finalmente staccheremo per qualche giorno. È stato un periodo un po’ complicato (lo raccontavo anche in L’estate dei genitori vs l’estate dei bambini) tra la distanza dalla bimba, al mare con i nonni vicino Roma per più di un mese, il lavoro, il trasloco e la gravidanza. Ma quando non sono complicati l’estate e Ferragosto con bambini di 2 anni? Ne scriveva anche Linda Laura Sabbadini sulla Stampa qualche giorno fa (in “L’estate da incubo delle madri che lavorano“).

 

La terribile rappresaglia di Piccolè

Il culmine è stato quando abbiamo vissuto la prima ribellione della bimba, stufa di vederci solo il weekend e una-al-massimo-due volte nei giorni feriali.

Aveva anche provato a spiegarcelo, al telefono:
– Mamma qui è bello ma io vojo te -. E ancora – Ma io devo stare co mamma e andare a trovare i nogni, no stare coi nogni e andare a trovare mamma! – una frase difficile anche solo da formulare, per una bimba di due anni e mezzo.

Visto che sembravamo non capire, è scattata la terribile rappresaglia di Piccolè. Ha inventato “Mamma Liliana”, un nome per fortuna assente nel giro dei Dangefò, l’avrei odiata: una mamma “dolcissima che sta sempre con me”, diceva la bimba che poi ha iniziato a chiamare “mamma” le mamme degli amici e dei cuginetti che erano al mare con lei. Quanto a me, rispondeva “mamma chi?” se la cercavo al telefono. Al papà attaccava direttamente in faccia dopo trenta secondi di telefonata. I nonni provavano a tenerle lontano il cellulare usando il vivavoce e lei urlava “Vojo premere il bottone rosso”, quello per spegnere.

 

Ferragosto con bambini di 2 anni: la resa

Di fronte alla furia di una bimba piccola, abbiamo avuto l’unica reazione ragionevole: la resa immediata e incondizionata. Con qualche giorno di anticipo rispetto ai programmi io ho mollato tutto – rallentando il lavoro e abbandonando al loro destino gli ultimi mobili da montare – e mi sono trasferita al mare da lei.

Questo ha significato fare la pendolare sull’Aurelia in corriera con il pancione e 40 gradi di temperatura, così ho messo KO “mamma Liliana” quasi all’istante (anche se ho rischiato di mandare KO anche mamma Calamity). Poi ho iniziato a portarmi la bimba avanti e indietro da Roma ogni volta che potevo. Lei ora sembra serena, anche se non mi ha del tutto perdonato e non è mai stata così lagnosa. Qualche giorno ancora, però, e arrivano le vacanze. Viva il Ferragosto!

Bambini di due anni al mare a Ferragosto

 

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.