Nella vecchia fattoria (alle Seychelles)

Piccolé, da bambina di città, aveva poche certezze sulla vita di campagna. Quasi tutte sono crollate nei giorni in cui siamo stati ospiti di una fattoria alle Seychelles. Il proprietario della nostra guesthouse a Praslin aveva campi di vaniglia e qualche animale. Non si trattava però di mucche, pecore e galline ma di tartarughe giganti, che trattava come animali da compagnia, e pipistrelli, che allevava in una specie di pollaio. 

Il pane cresceva sugli alberi, sotto forma di un frutto tondo da mangiare fritto o alla brace. Le noci di cocco avevano la forma inequivocabile di un sederone e pesavano anche 20 chili. Le palme formavano una foresta così fitta che luce e pioggia quasi non vi passavano attraverso. E nell’orto non c’erano carote e zucchine ma ananas, lime e papaya. Persino le lumache erano speciali, con per gusci delle belle conchiglie affusolate.

Ho pensato spesso che le Seychelles sembravano uscite dalla fantasia di Italo Calvino o di Gianni Rodari. Per esempio, su un autobus c’era scritto in un cartello ““Silvuplé!!! Aret zet bwat juice, pet limonad, pake plastik snak dan bis”. Era in creolo, e univa un po’ di francese e inglese, lingue orientali e africane, noi lo trovavamo esilarante. Credo volesse dire che è vietato bere succhi di frutta e limonate a bordo (o forse che è vietato bere succhi di frutta e limonare?).

L’incontro tra la cultura africana, asiatica ed europea emergeva, con effetti spesso incredibili, in quasi ogni aspetto della vita alle Seychelles. Succedeva così che il monumento principale della capitale, Victoria, fosse la Torre di Londra. O, meglio una sua piccola riproduzione che sembrava piovuta al centro di una piazza della città. Lì affianco c’era un mercato africano di pesce e verdura e, poco più in là, un piccolo tempio induista con tanto di santoni. Sembrava che qualcuno avesse voluto concentrare i tre continenti nel giro di un paio di isolati.

Nelle spiagge, poi, incontravi a pochi metri di distanza donne velate – i turisti arabi erano tra i più numerosi – e biondissimi bambini scandinavi tutti nudi, in mezzo a ragazzi locali con i rasta o vestiti alla moda e a coppiette di tutto il mondo in viaggio di nozze. Una comitiva di indiani, un pomeriggio, mi ha chiesto di fare una foto con Piccolé. Presa un po’ alla sprovvista, ho risposto di sì. Ognuno di loro – erano una decina – ha voluto un sefie con la bambina, che si prestava divertita. Per loro, la famiglia “esotica” eravamo noi.

Se ti è piaciuto questo articolo, commenta, chiedi, condividi! Il tuo parere è importante per me.


Per seguire tutte le nostre avventure di viaggio alle Seychelles leggi anche:

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *