La crisi della polenta

                                           

Piccolé vomita e ha la diarrea e io non oso chiamare il pediatra. Alla domanda se la bambina abbia mangiato qualcosa di nuovo in questi giorni, dovrei rispondere: polenta e ossobuco.
Polenta e ossobuco… A 14 mesi.

Eravamo dalla nonna nordica e A. ci teneva tanto che la bimba conoscesse gli autentici sapori longobardi. L’idea era di farle assaggiare solo la polenta… Ma non sembrava proprio che le piacesse. A. aveva già iniziato a disperare: “Vedi, non sarà mai una vera varesotta” quando la bambina ha afferrato un osso buco vuoto dal mio piatto e ha iniziato a ciucciarlo come fosse un biberon.

Così le abbiamo fatto assaggiare un po’ di carne, e insieme – finalmente – ha mangiato anche un po’ di polenta per la gioia del papà. Se Piccolé continuava a storcere il naso A. era pronta a farle fare il test del Dna.

Ti potrebbe interessare anche

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.