L’utero del mio amico M.

Il telefono del mio amico M. lo informa che il suo utero ha le dimensioni di un pompelmo, i suoi seni iniziano a gonfiarsi, può avere nausee, vomito e una sensazione di malessere generale. No, M. non è un trans in attesa di diventare donna, ma un futuro papà vittima del mammo-centrismo di quasi tutte le app sulla gravidanza.

Le applicazioni per entrambi i genitori o specifiche per neo-papà infatti sono quasi inesistenti, quindi per seguire i progressi del piccolo settimana dopo settimana sullo smartphone tanto vale arrangiarsi.
Alcuni consigli dei programmi per le mamme, in fondo, possono tornare utili anche per lui.

”La stanchezza si fa sentire durante le normali attività giornaliere, ogni tanto prendi delle meritate pause”, per esempio, può adattarsi anche al papà tutto preso a fare il nido per il nascituro. Così come ”qualche cosa sta cambiando nel tuo corpo, i capi di abbigliamento più attillati ti cominciano a stare stretti”. Mi ricordo che, all’inizio della mia gravidanza, A. era ingrassato ben più di me (poi, nelle ultime settimane, sono esplosa e non c’è stata più gara, ma quella è un’altra storia).

                                     

Ps I problemi e i fraintendimenti legati alle app per bambini non finiscono con la nascita, anzi peggiorano. Poco tempo fa, sul telefono di un altro mio amico è comparso l’alert “le principesse ti aspettano”. I più maliziosi hanno pensato subito a locali per spogliarelliste o giri di escort, ma era solo l’ultima app scaricata dalla sua bimba (quattro anni) che la invitava a giocare.

Ti potrebbe interessare anche

Nessun commento

  1. Pensa ad un tizio di 50 anni suonati che ad una presentazione di prodotto, sente che il suo ipad poggiato sul tavolo di riunione comincia a fare suoni di ruttini… di Pou (hai presente Pou, vero?)… da allora, mio marito mi ha pregato di far usare il mio ipad alle bimbe per salvare il suo dalle figuracce! 😀
    Per i papà in attesa, consiglierei un bel libro… esistono tantissimi che raccontano ogni settimana. Ricordo che nel natale 2007, mio suocero ha avuto la brillantissima idea di regalarne uno a me (ero al 4 mese) ed uno a mio marito, uguali! :)))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *